“ATTACHMENT PARENTING”

coccole, massaggi, abbracci… e portare in braccio!

 

Con questo nome si intende quello “stile genitoriale” che prevede un intenso contatto con il proprio bambino.

 E’ uno stile educativo, una filosofia di vita, una modalità di comportamento… che parte dall’assunto che il bambino neonato

necessita del contatto fisico con i propri genitori. Un contatto che va al di là del semplice tocco,

ma che richiama un legame più profondo, fatto di empatia, compartecipazione, interesse, rispetto.

Alla base di tutto sta il considerare il bambino come una persona, con le sue caratteristiche e i suoi bisogni.

Un essere con dei bisogni primari congeniti imprescindibili.

In primis quelli del contatto. Contatto come elemento vitale.

Come necessità impellente, bruciante… più del cibo.

Contatto che si esprime nelle carezze, nei baci, nelle coccole, nei massaggi, nell’essere tenuti in braccio, nell’essere fasciati, nell’essere portati, nel dormire “addosso” al papà, nel respirare insieme petto contro petto, che si esprime nell’allattare toccandosi e stando vicini, e che continua poi con la modalità dell’abbraccio contenitivo (holding) nei momenti di capricci o rabbia…, contatto come mezzo di comunicazione empatica tra mamma e papà, contatto come gesto d’amore e come esempio di vita …

I bambini che vivono nelle culture ad alto contatto sono bambini sereni e molto sicuri di sé, estremamente indipendenti, fisicamente agili e pronti, vivaci, vivono bene i cambiamenti e le situazioni di stress. Questo è stato dimostrato anche scientificamente. Così come è stato dimostrata l’inesistenza delle coliche nei neonati cresciuti in queste culture, ed il netto miglioramento (fino al 40% in meno) delle crisi di pianto inconsolabile nei bimbi di casa nostra se toccati, massaggiati e portati di più!

 

 

 

IL RACCONTO DI UNA MAMMA

Con queste poche righe vorrei solo riportarvi la mia personale esperienza come mamma di 3 figli,senza la presunzione di insegnare alcunchè a qualcuno. Con il tempo e la nascita dei miei bambini ho capito che ogni figlio ha bisogno di un tempo esclusivo da trascorrere con mamma e papà. Un tempo rapportato alle esigenze della sua età e del suo essere,che serve a lui per riconoscersi e sentirsi amato e a noi genitori per conoscerlo meglio e capire,apprezzare e amare i numerosi aspetti della sua personalità e del suo carattere.

Penso che il nutrimento affettivo sia qualcosa che non dovremmo mai far mancare ai nostri figli, perchè è anche attraverso di esso che passa loro la certezza che li amiamo nonostante tutto. Questo li fortifica e li rende sicuri di sè.

Niente come un po' di sane coccole ci può riavvicinare per esempio ad un figlio con il quale abbiamo avuto una giornata un po' pesante.

La FASCIA mi ha permesso di riappropriarmi del rapporto affettivo con Elena,che essendo la terza ,rischiava di essere la meno coccolata. Infatti adesso, mentre aiuto Carlo a fare i compiti, o Elisa a disegnare, ma, vi assicuro, anche mentre stiro,lavo i piatti,mangio,cucino e tanto altro ancora,posso portarmela in grembo, guardarla, baciarla, cantarle una canzoncina..conoscerla.

Ecco perchè per me la fascia ha acquistato uno speciale valore affettivo e non potrei più farne a meno,come un paio di vecchi jeans.

Del resto un'idea chiara ve la può dare la spontaneità della mia seconda figlia Elisa che un giorno,vedendomi per la prima volta con Elena nella fascia,mi ha detto:"Mamma! Ma te la sei rimessa nella pancia?!" E quale rapporto è più esclusivo di quello che matura nel grembo materno?

Mamma Lucrezia

 

 

 

Il bambino è portato in pancia per nove mesi, nasce ancora molto dipendente dal legame con la madre; per la sua sopravvivenza e maturazione necessita di ritrovare i movimenti, i suoni e gli stimoli di prima, implora di essere portato addosso ancora per molto tempo. (P.Maghella)

 

VIZI E BISOGNI

Il bambino tende soprattutto a manifestare quelli che sono i suoi bisogni. Riconoscere i bisogni di un bambino fa si che egli si senta amato, approvato e lo aiuta a sviluppare l’autostima. Chiamare vizio un bisogno significa non conoscere i bisogni di un neonato e non sapere cosa significa vizio.

 Offrire al neonato, subito dopo la nascita, un ambiente quanto più vicino a quello uterino, soddisfare il suo bisogno di contatto continuo, sono fattori essenziali per una crescita sana dal punto di vista sia psicologico e emotivo che fisiologico del bambino. Ed il corpo della madre è perfetto per offrire  questo habitat: calore, protezione, nutrimento, ossigenazione e tenerezza, ma anche un luogo perfetto dove apprendere per imitazione le regole sociali consone alla specie umana.

 

 LA FASCIA LUNGA

  Tra i vari supporti esistenti, la FASCIA LUNGA è sicuramente il più versatile. Ne basta una dalla nascita fino ai 2/3 anni. La può portare indifferentemente la mamma o il papà.

Può adattarsi a tutte le posizioni, da quella “raccolta accovacciata” , a “culla”, a “marsupio”, in avanti, sull’anca o sulla schiena…

Si può usare fin dai primi giorni di vita, anzi è perfetta per i prematuri (marsupio terapia).

Con alcuni piccoli accorgimenti può facilmente essere usata anche mentre si allatta.

E’ morbida e contenitiva. Non dà fastidio, non “tira”, non pesa…

Permette di avere le mani realmente libere. Non c’è bisogno di alcun sostegno supplementare (mano sulla testa o sulla schiena per i neonati..).

i bimbi sono perfettamente contenuti e avvolti. Non c’è nessuna possibilità che “cada fuori” o che si sposti, qualunque movimento noi facciamo. 

Occupa pochissimo spazio, costa molto meno di una carrozzina…ed è più facile da indossare di quello che si pensa. La si può preparare prima e mettere e togliere il bambino più volte senza doverla disfare (ad es. per gli spostamenti in macchina..).

 

 

NOI ABBIAMO SCELTO LA FASCIA “MAMMARSUPIO” perché :

-          Prodotta in Italia, con filiera etica

-          poco ingombrante (leggermente piu’ corta di altre) e ha comodo sacchettino porta fascia

-          piu’ leggera e perfetta anche per i climi caldi

-          stoffa di alta qualità, rifinita a mano e non trattata

-          ottima via di mezzo tra la fascia elastica e quella rigida

-          ottimo rapporto qualità/prezzo

 

 

DA NOI LA PUOI ANCHE PERSONALIZZARE!!!

Con il nome del bambino, o tenere applicazioni di stoffa (tecnica applique’) con soggetti a scelta 

 

Vedi le“tenerezze di Sabrina”

  

               TORNA ALLE ATTIVITA'             APPROFONDIMENTI

 

Sito web gratis da Beepworld
 
L'autore di questa pagina è responsabile per il contenuto in modo esclusivo!
Per contattarlo utilizza questo form!